chiudiclose

home page>magazine>tutti i servizi>Ci risiamo con il phishing ai danni di Jobonline.Ma è difficile individuare e perseguire i criminali

SEGUI JOBONLINE

prova





Ricevi la newsletter con articoli, annunci di lavoro e informazioni utili alla tua carriera

Orientamento

Ci risiamo con il phishing ai danni di Jobonline.Ma è difficile individuare e perseguire i criminali

Immagine articolo: Ci risiamo con il phishing ai danni di Jobonline.Ma è difficile individuare e perseguire i criminali
Alcuni lettori hanno ricevuto messaggi con offerte di lavoro fasulle a nome Landexpo Ltd, una società insistente; il riferimento a Jobonline è inserito con lo scopo di rassicurare il destinatari e conquistarne la fiducia. La natura fraudolenta dell'offerta è facilmente identificabile anche perché scritta in un italiano approssimativo. Tali casi di frode sono diventati cos popolari che i giochi online sono apparsi sulla rete con scenari di frode simili che un giocatore deve indovinare e non cadere nelle mani dei banditi.

Nuovo caso di SCAM

Le segnalazioni giunte sono appena tre ma il tentativo di truffa è più raffinato del solito perché i criminali hanno avuto l?accortezza e la capacità tecnica di inserire il riferimento al nostro sito nel dominio dell?indirizzo e-mail del mittente. Nel messaggio la sedicente Landexpo Ltd comunica che ?Stiamo cercando le persone responsabili, laboriosi e operative per creare una squadra professionale degli operatori indipendenti? (Sic.). Nello specifico si tratta di ?SCAM? veicolato attraverso attività di spamming. Lo scam è un tentativo di truffa effettuato attraverso l?invio di e-mail recanti la promessa di grossi guadagni in cambio di somme di denaro da anticipare. L?aggancio è rappresentato da un?offerta allettante e ben remunerata nel settore della logistica, un?attività da espletare part time dal proprio domicilio.

Una frode già conosciuta e documentata

Il fenomeno dello SCAM riguarda e coinvolge tutti i Job Site più conosciuti. Per i criminali è strategico carpire la buonafede delle potenziali vittime sfruttando la popolarità e l?autorevolezza di siti presenti su Internet da molti anni, nel nostro caso più di quindici. Non è ancora chiaro in che modo si evolva il tentativo di truffa, ma è probabile che al termine di una sorta di trattativa che rafforza la mistificazione, vengano richieste somme di denaro per formalizzare l?assunzione o forme di club membership per partecipare ad un business che ovviamente è inesistente.

La severa politica di Jobonline

E? opportuno ribadire che non abbiamo mai autorizzato l?uso della nostra denominazione in associazione ad offerte di impiego pubblicizzate attraverso canali diversi da Jobonline o da siti a noi collegati in virtù di specifici accordi di partnership (job crawler). Inoltre, in merito alle caratteristiche degli impieghi offerti, Jobonline ha una policy molto rigida: sono comunque escluse della pubblicazione tutte le inserzioni riconducibili a sistemi commerciali di tipo piramidale o multi-livello, ad accordi di franchising o distribuzione, ad accordi di club membership, ad accordi di associazione in partecipazione, all'offerta di servizi di intermediazione di prestazioni libero-professionali o parasubordinate, e all'offerta di servizi di intermediazione di lavoro da parte di soggetti privi dell'autorizzazione rilasciata dal Ministero del Lavoro. Tutto ciò a precisa tutela dei job seeker.

Un abuso difficile da contrastare

Ci siamo attivati per tentare di arginare il fenomeno, ma lo scam è il tipo di abuso più difficile da bloccare. I provider che assicurano un servizio antispam dovrebbero filtrare questa tipologia di messaggi, il contenuto dei quali, proprio a seguito della nostra segnalazione, è stato inserito nelle maggiori black list. Purtroppo i provider sono un po? lenti nell?aggiornare le proprie liste e in generale non è possibile coprire tutto lo spettro dei domini e-mail. L'autorità giudiziaria e la Polizia italiana hanno scarsi mezzi finanziari, logistici e legali, per perseguire i responsabili di queste azioni fraudolente.
29 giugno 2011