chiudiclose

home page>magazine>tutti i servizi>142 Assistenti tecnici Ministero della Giustizia, richiesto un diploma e abilitazione professionale

SEGUI JOBONLINE

prova





Ricevi la newsletter con articoli, annunci di lavoro e informazioni utili alla tua carriera

Concorsi

142 Assistenti tecnici Ministero della Giustizia, richiesto un diploma e abilitazione professionale

I termini per partecipare scadono il 15 gennaio, il personale sarà assunto a tempo indeterminato, nel profilo professionale di Assistente tecnico, II Area funzionale, fascia retributiva F2, nei ruoli del personale del Ministero della Giustizia, Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria.
Immagine articolo: 142 Assistenti tecnici Ministero della Giustizia, richiesto un diploma e abilitazione professionale

Posti a concorso nel dettaglio:

  • 40 posti nel profilo professionale di Assistente Tecnico – specializzazione Edile (codice concorso TE01);
  • 32 posti nel profilo professionale di Assistente Tecnico – specializzazione Elettronica (codice concorso TE02);
  • 32 posti nel profilo professionale di Assistente Tecnico – specializzazione Elettrotecnica (codice concorso TE03);
  • 32 posti nel profilo professionale di Assistente Tecnico – specializzazione Meccanica (codice concorso TM04);
  • 6 posti nel profilo professionale di Assistente Tecnico – specializzazione Agraria (codice concorso TA05);

Requisiti Concorso 142 Assistenti tecnici Ministero della Giustizia

Oltre agli usuali requisiti generali richiesti per partecipare ai concorsi nella pubblica amministrazione, per partecipare è necessario essere in possesso di un diploma di scuola superiore di secondo grado (durata quinquennale) e il possesso del titolo abilitativo all’esercizio della professione (geometra, perito agrario e perito industriale) conseguito a seguito del superamento dell’Esame di Stato indetto ogni anno con decreto del MIUR.

Prove Concorso 142 Assistenti tecnici Ministero della Giustizia

Sono previste due prove scritte e una prova orale che comprenderà anche l’accertamento della conoscenza della lingua straniera prescelta e delle capacità e attitudini all’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche.

La prima prova scritta, comune a tutte le specializzazioni, consisterà in una serie di domande a risposta multipla vertenti sulle seguenti materie:

  • Elementi di Ordinamento penitenziario ed organizzazione degli istituti e servizi dell’Amministrazione Penitenziaria.
  • Nozioni di legislazione sociale e norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro e degli incendi.
  • Nozioni di diritto costituzionale e amministrativo con particolare riferimento al rapporto di pubblico impiego.

La seconda prova scritta, diversa per ogni specializzazione, consisterà in una elaborazione di disegni, con eventuali computi metrici ed estimativi e relazione illustrativa riguardanti un tema di progettazione, in ambito penitenziario, nei limiti della competenza professionale relativa alla specializzazione per cui si concorre.

La prova orale per tutte le specializzazioni verterà, oltre che sulle materie oggetto delle prove scritte, su:

  • Normative tecniche principali per la disciplina degli impianti
  • Nozioni sulle norme che regolano l’appalto di opere pubbliche, con particolare riguardo alla metodologia dei rilievi e misurazioni delle opere e alla compilazione degli atti di contabilità

a queste si aggiungono ulteriori materie specifiche per ogni specializzazione

In considerazione del numero delle domande pervenute l’Amministrazione si riserva la facoltà di far precedere le prove scritte da una prova preselettiva comune a tutte le specializzazioni. Tale prova consisterà in un questionario a risposta multipla, composto da:

  • domande di carattere attitudinale finalizzate alla verifica della capacità logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico e critico-verbale
  • domande su elementi di ordinamento penitenziario ed organizzazione degli istituti e servizi dell’Amministrazione Penitenziaria
  • domande su nozioni di legislazione sociale e norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro e degli incendi”

La domanda di partecipazione potrà essere presentata entro e non oltre il 25 gennaio 2021 tramite la piattaforma disponibile sul sito del Ministero della giustizia.

Documentazione Concorso 142 Tecnici Ministero della Giustizia

6 gennaio 2021