chiudiclose

home page>magazine>tutti i servizi>Osservatorio Technical Hunters: le Pmi tornano ad assumere manager

SEGUI JOBONLINE

prova





Ricevi la newsletter con articoli, annunci di lavoro e informazioni utili alla tua carriera

Master in Marketing e Gestione Eventi Sportivi
Occupazione

Osservatorio Technical Hunters: le Pmi tornano ad assumere manager

Crescono le assunzioni di manager da parte delle piccole e medie imprese italiane, con un incremento medio delle richieste del 15-20% nell'ultimo biennio. Le figure più ricercate sono direttori commerciali, direttori tecnici, operation manager, direttori finanziari (Cfo) e direttori di produzione.
Immagine articolo: Osservatorio Technical Hunters: le Pmi tornano ad assumere manager

PMI temprate dalla crisi

Le assunzioni crescono in particolare nei settori della manifattura, chimica e componentistica per il settore industriale e impiantistica: lo rivela un'analisi di Technical Hunters. Le figure più ricercate sono direttori commerciali, direttori tecnici, operation manager, direttori finanziari (Cfo) e direttori di produzione.


«Le Pmi che hanno superato felicemente gli anni della crisi sono oggi più solide e internazionalizzate, ma hanno un forte bisogno di managerializzazione per sostenere la crescita», spiega Matteo Columbo, Director di Technical Hunters. «Il momento peraltro è favorevole, perché anche i manager, che tradizionalmente erano attratti dalle multinazionali, guardano con crescente interesse a queste realtà»


Le aree in cui il fenomeno è più evidente, secondo Technical Hunters, sono la Lombardia, il Triveneto e l'Emilia-Romagna, mentre i compensi medi per le posizioni di direttori commerciali, direttori tecnici e operation manager, si collocano tra gli 80mila euro e i 130mila euro annui. Per direttori finanziari e direttori di produzione, si va dai 60mila euro ai 90mila euro circa.

Ma perché i manager sono interessati alle Pmi?


«Dopo la crisi del 2007-2008, le piccole e medie imprese erano considerate troppo rischiose da parte delle figure professionali di medio-alto livello, che preferivano multinazionali, società per azioni e aziende straniere», aggiunge Columbo. «Negli ultimi anni tuttavia il contesto di mercato è cambiato, perché si è diffusa la percezione che le realtà aziendali sopravvissute alla crisi abbiano idee vincenti e imprenditori forti e i manager sono attratti dall'opportunità di lavorare su progetti industriali a medio lungo termine, con un elevato grado di autonomia decisionale»


Opportunità
  • Collaborazione diretta con l'imprenditore
  • Visibilità globale sulle strategie aziendali
  • Partecipazione ai piani di sviluppo industriale
  • Autonomia decisionale
  • Struttura flessibile
Rischi
  • Imprenditori con potere di veto sulle decisioni prese
  • Basso coinvolgimento nella definizione delle strategie aziendali
  • Maggiore rischiosità del business
  • imiti allo sviluppo di carriera
Fonte: Technical Hunters, 2017.

NB: Le pagine si apriranno in un'altra finestra del vostro browser. Il collegamento a siti esterni non implica alcun riconoscimento da parte di Jobonline

18 agosto 2017